Archive | March, 2014

坎 – Anima (ōnyūdō, 2013)

6 Mar

Sfoglio la mia copia de Il Libro dei mutamenti – nella classicissima edizione adelphiana a cura del sinologo Richard Wilhelm – per capire il significato del ventinovesimo esagramma scelto da Paolo Bellipanni come monicker per il suo progetto solista. Comunemente noto come l’Abissale, l’esagramma  (K’an) si basa sulla ripetizione del trigramma K’an, il cui significato è il “precipitare dentro”, o meglio il precipitare dell’acqua tra due gole montane: quella stessa acqua che suscita ogni forma di vita. Ma, continuando a leggere le indicazioni del testo possiamo scoprire che «riferito all’uomo, questo segno rappresenta il cuore, l’anima racchiusa nel corpo, il luminoso contenuto nell’oscuro, la ragione. Il nome del segno, essendo ripetuto, significa anche “ripetizione del pericolo”.  Così l’esagramma indica una situazione oggettiva alla quale bisogna abituarsi […]» [1].

K'an (ÕØÄ) - Anima - cover

Continue reading

Advertisements