Tag Archives: david foster wallace

Estemporanea #8: Autenticità, sederi e dis/velamenti.

12 Dec

di T/T

Nel Figlio grasso e rosso – reportage sugli Adult Video News Award – David Foster Wallace come sempre nel suo stile icastico e acuto costellava il testo di interessanti aneddoti, il cui obiettivo a volte era quello di colpire l’attenzione del lettore svelando meccanismi profondi dell’industria del porno e della sua fruizione. Nonostante lo scritto di Wallace abbia più di 15 anni e gli AVN Award siano ormai giunti alla loro trentesima edizione ci sono passaggi che possono aiutarci nell’attraversamento di un problema cruciale della cultura pop di questi ultimi anni, quello dell’autenticità e della progressiva sessualizzazione del (s)oggetto femminile nell’industria musicale.

jennifer-lopez-iggy-azalea-booty-62

Continue reading

Advertisements

Estemporanea #5: DFW

28 Nov

di T/T

In Caro Vecchio Neon, DFW mette in scena una lunga e insondabile confessione di una voce/(pensiero) narrante, che cerca di gettare la maschera dinanzi all’imminenza del suicidio: un fascio nervoso di pensieri che si accavallano, spingono, scalpitano cercando di fermarsi sulla pagina e che si riflettono come un lampo ed un epifania nel pensiero appena accennato di Dave Wallace – compagno di corso della voce/(pensiero) narrante – «che [cerca], anche solo per l’istante che ha le palpebre abbassate, in qualche modo di riconciliare quello che quel tipo radiante era parso dall’esterno con la cosa che all’interno lo aveva indotto a suicidarsi in modo così teatrale e doloroso»[1].

1345430661669.cached

Continue reading

Sentieri Selvaggi #5: Gronge – Cremone Gigante per Soli Adulti (On Records Japan)

16 Sep

di Bassifondi?

«Sono orgoglioso oggi di potervi offrire il famoso cremone gigante […]». Gironzolo un po’ per la stanza, picchietto qua e là sulla scrivania con l’indice, indice-medio, indice-medio, mi risiedo. Non ho tanta difficoltà a scrivere dal lontano 2010, quando provai a stendere due parole su Flying Teapot per la prima uscita in cartaceo di Bassifondi?. Fu un suicidio al tempo. Fuori bel tempo, davanti agli occhi la copertina di Cremone Gigante per Soli Adulti: a metà tra Manzoni e Warhol. Non so bene da dove iniziare. Cosa proferire per prima.

gronge-cremone-gigante-per-soli-adulti-L-FJPY3J

Continue reading