Estemporanea #4: due parole su Lou Reed

28 Oct

di T/T

20131027_185257

Il Lou Reed cantautore/poeta non mi interessa molto. La mia eterna ammirazione va a lui per la grana sporca, sfilacciata, dionisiaca della sua chitarra: lui (e i suoi Velvet Underground) sono l’Origine e la Conclusione di ogni discorso sul Rumore. Da Sister Ray a Metal Music Machine il percorso dal rumore “organizzato” al rumore bianco è tracciato come un solco indelebile: un confine insuperabile.

Tutto ciò basta.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: