Tougsbozuka – s/t (Musica per Organi Caldi)

18 Apr

di T/T

cover

Sarà la mia ormai volontaria imperizia tecnica come bassista, oppure il fatto che abbia assunto posizioni reazionarie con l’età riguardo il ruolo del basso, o molto probabilmente perché sono leggermente annoiato di gruppi basso-centrici per colpa dell’indigestione causata da un decennio post-(pseudo)rivoluzione dei Lightning Bolt ma devo farmi forza e armarmi di pazienza quando approccio un gruppo come i Tougsbozuka (fuori per Musica per Organi Caldi)

Do una scorta al minutaggio dei pezzi e vengo scosso dai brividi: non so perché ma l’idea di dover affrontare un overture di otto minuti per due bassi e batteria non mi aiuta. E allora controvoglia metto su il disco del gruppo tarantino.

544377_608017922546001_1000514906_n

Partono le prime rasoiate e le conseguenti apoplessie: il déjà vu è come un ictus adamantino in piena fronte. Devo attendere il vuoto pneumatico di Sgiusdru per ricominciare a respirare. Nel frattempo mi perdo per strada seguendo i contorti arabeschi disegnati dai due cordofoni baritoni: matematismo esasperato da nervo vago in fibrillazione. La mia coscienza riemerge nuovamente dopo alcuni minuti un po’ frastornata e leggermente claudicante per focalizzarsi sta volta su இ  a cui segue una mirabolante e coesa Bborigeno. Il lavoro sembra decollare e mostrare, al di là del fiato corto del genere, uno spiraglio.

Incomincio a ricredermi anche se siamo a metà dell’opera. Gli spettri certo si affollano: i Ruins sdentati e afoni ballano compiendo acrobazie con i Dazzling Killmen, mancano gli occhiali da nerd di Nick Sales, calpestati dai fratelli Wright, che si affacciano in pieno sbornia durante Bubblegum resi pestiferi e decisi a fornicare con la scena di St. Louis più oltranzista e sperimentale.

Se il self titled dei Tougsbozuka (riuscirò mai ad imparare questo nome, mi si arrotola la lingua) fosse stato un vinile ne avrei consumato solo un lato: quello B e non solo perché l’anale è meglio.

facebook

full album

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: