Say goodbye to Madame George

2 Jan

di T/T

Ci sono opere il cui peso specifico esula dal semplice merito storico. L’evidenza della loro importanza è a volte così tanto smaccata da lasciare sgomenti e frastornati. Ci sono due modalità d’accesso a certe esperienze: o la mera curiosità storica, basata sull’oggettività miliare di un fantomatico percorso, o l’incontro concreto.

Astral Week di Van Morrison molto probabilmente lo si può approcciare solo se le note e la voce di Van Morrison vengono vissute intimamente. Solo se Astral Week viene compreso come un simbolo eterno.

Lester Bangs in uno dei suoi più bei pezzi scriveva:

Astral Weeks si occupa di verità, non di fatti. Astral Weeks, nella misura in cui gli si può dare una collocazione precisa, è un disco su persone frastornate dalla vita, completamente sopraffatte, bloccate nella loro pelle, età e identità, paralizzate dall’enormità di quello che riescono a comprendere in un momento di visione. E’ un dono prezioso e terribile, che nasce da una verità terribile, perchè quello che vedono è infinitamente bello e inguaribilmente orripilante al tempo stesso: l’illimitata capacità umana di creare o distruggere a seconda del capriccio del momento.[…]Forse tutto si riduce a un momento di consapevolezza del miracolo della vita, col suo inevitabile fattore concomitante, il vertiginoso barlume della possibilità di essere feriti, e della possibilità di infliggere ferite.

Tutto quello che è possibile dire e scrivere su AW dopo il saggio di Bangs sono corollari e glosse. Anche questo post è inutile.

Advertisements

One Response to “Say goodbye to Madame George”

Trackbacks/Pingbacks

  1. Tre dischi da macchina ferma « - January 25, 2013

    […] dirvelo, un classico che scioglie. Il Morrison più facile, più orecchiabile, così lontano da Astral Weeks come da qualsiasi suo lavoro successivo. Quello che fa è la voce. Van Morrison ha una voce che va […]

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: